Sabato 20 Ottobre 2018
INIZIATIVE

Libreria Mondo Libri:De Pasquale e Iannelli presentano “Cosi non si può Vivere” Rocco Chinnici: la Storia mai raccontata del Giudice che sfidò gli intoccabili

E` scritta a quattro mani, la storia del giudice Rocco Chinnici, vittima di mafia che perse la vita nella strage, avvenuta a Palermo nel 1983, quando una 126 carica di tritolo fu fatta esplodere con un telecomando sotto l`abitazione del magistrato, in via Giuseppe Pipitone Federico. Nell`attentato morirono anche due carabinieri di scorta (Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta) e il portiere del palazzo (Stefano Li Sacchi) e rimasero ferite 20 persone

Catania, 05/05/2014

E` scritta a quattro mani, la storia del giudice Rocco Chinnici, vittima di mafia che perse la vita nella strage, avvenuta a Palermo nel 1983, quando una 126 carica di tritolo fu fatta esplodere con un telecomando sotto l`abitazione del magistrato, in via Giuseppe Pipitone Federico. Nell`attentato morirono anche due carabinieri di scorta (Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta) e il portiere del palazzo (Stefano Li Sacchi) e rimasero ferite 20 persone.

A ricordare quei fatti terribili nel libro «Cosi non si può Vivere» Rocco Chinnici: la Storia mai raccontata del Giudice che sfidò gli intoccabili  sono Fabio De Pasquale ed Eleonora Iannelli, due giornalisti messinesi che vivono e lavorano da dieci anni a Palermo, marito e moglie: Fabio, attualmente portavoce del presidente dell`Assemblea regionale, uno dei pochi siciliani ad aver vinto il premio nazionale di giornalismo «Saint Vincent» per le sue inchieste di cronaca giudiziaria; Eleonora, corrispondente del «Giornale di Sicilia», collabora anche con alcuni settimanali del «Sole 24 ore». É autrice di vari saggi e contributi sulla storia e le tradizioni di Messina.

Il libro, con la prefazione di Pietro Grasso, ex magistrato giovane collega di Chinnici, che sarà presentato nella libreria Mondo Libri di Catania, (via Umberto 30) venerdì 9 maggio alle ore 17,30, ricostruisce la storia del giudice, responsabile dell`ufficio Istruzione, capo di Falcone e Borsellino, ideatore del pool antimafia, dando voce ai ricordi della famiglia e di giudici, avvocati, investigatori, cronisti del tempo. Ma è pure un`inchiesta con scoperte e documenti inediti sull`antefatto della strage, le minacce subite, i depistaggi, l`isolamento del giudice, la «sonnolenza» del Palazzo di giustizia e dell`intera città, come risulta anche dal diario segreto autografo di Chinnici, pubblicato per la prima volta. Uno «spaccato» della città di Palermo e della Sicilia, negli anni Ottanta, quelli della seconda guerra di mafia e dei delitti eccellenti.

Insieme agli autori, Fabio De Pasquale ed Eleonora Iannelli, interverranno il giudice del Tribunale di Catania Santino Mirabella, il sostituto procuratore Antonella Barrera e il presidente della Commissione regionale Antimafia Nello Musumeci. L`incontro è organizzato dall`associazione antiracket del Sistema Confcommercio Imprese per l`Italia di Catania «Rocco Chinnici».

   Seguici su Facebook