Mercoledì 15 Agosto 2018
NOTIZIE

IN CONFCOMMERCIO IL FOCUS SU ECONOMIA ED ETICA

Si terrà lunedì 16 novembre 2015 alle ore 11.00 presso il salone della Confcommercio di Catania in Via Mandrà 8 il FOCUS su legalità e buone prassi L`ECONOMIA SENZA ETICA È DISECONOMIA.

INIZIATIVE   Lunedì, 09 Novembre 2015

CODICE ETICO, ESPULSIONE E SOSPENSIONE DEI COLLUSI CON IL SISTEMA MAFIOSO

I commercianti siciliani che pagano il pizzo senza denunciarlo da oggi verranno sospesi da Confcommercio, mentre chi verra' condannato in via definitiva per reati mafiosi verra' espulso dall'Associazione. A presentare il codice etico sono stati il Presidente di Confcommercio Sicilia Pietro Agen, Luca Squeri Presidente della commissione per le Politiche di Sicurezza e Legalita' di Confcommercio Nazionale, Claudio Risicato, Presidente dell'associazione Antiracket di Catania e Rosanna Montalto Vice Presidente Confcommercio Palermo con delega alla legalità. Chi non firmera' il codice etico "verra' allontanato dalla dirigenza" come tiene a sottolineare il presidente regionale Agen che ribadisce: "oggi e' partita la resistenza". Adesso si tratta di incoraggiare i nostri associati perche' non bisogna piu' avere paura. Da qui parte una nuova primavera". "E' arrivato il momento di dire «io non pago» -ha spiegato ancora Agen- noi ci vogliamo mettere la faccia e siamo tanti". E coloro i quali non firmeranno, "non verranno ricandidati ne' rieletti". Secondo quanto prevede il codice etico all'art. 8 sui doveri degli imprenditori e dei lavoratori autonomi titolari del rapporto associativo, i soci si impegnano "a rifiutare qualsiasi forma di estorsione, usura o ad altre tipologie di reato mafioso e di collaborare con le forze dell'ordine e le istituzioni preposte, denunciando direttamente o con l'assistenza del sistema associativo, ogni episodio di attivita' illegale di cui sono vittime". "Oggi i tempi sono cambiati -dice Agen- da siciliano d'adozione ho visto cambiare negli ultimi trent'anni la societa' in Sicilia.

INIZIATIVE   Mercoledì, 19 Ottobre 2011

FIPE: UN CODICE PER REGOLAMENTARE LA MOVIDA

Presentato il «codice etico» composto da nove punti per i pubblici esercizi che animano la movida catanese finalizzato a porre fine a polemiche e dissapori che spesso hanno contrapposto i gestori dei locali e i residenti delle aree interessate infastiditi dai rumori della vita notturna dei giovani catanesi.

  Martedì, 16 Febbraio 2010
   Seguici su Facebook